Are JSPs dead?

L’ennesima critica a JSP: sono da considerasi ufficialmente morte? Personalmente non credo che la loro scomparsa sarà poi così imminente. JSP fa parte delle specifiche JavaEE di Sun e ormai sono utilizzate praticamente in ogni contesto Java Web. E’ vero, consentono molta libertà in chi sviluppa (difatti sono nate come “antagoniste” di ASP!) e in pratica sono quanto di più “sbagliato” si possa utilizzare in un paradigma ad oggetti, ma per fortuna… esistono i framework!

Solito discorso: Struts in primis ha ricollocato le JSP quasi esclusivamente nello strato V del paradigma MVC (mentre il ruolo di controller è lasciato alle Servlet o meglio a Servlet specializzate dette Actions). Poi ci sono le taglib, gli include e JSTL… con questi strumenti JSP diventa utilizzabile e, addirittura, come qualcuno osserva, riusabile (anche se lo strato V è chiaramente il meno riusabile fra tutti). Il problema se mai è quello di non farne un uso improprio.

Poi è chiaro che le alternative esistono: Velocity, Freemarker, XML/XSLT, JSF (con Facelets) per citarne alcune. La mia personale esperienza con JSF non è stata delle più entusiasmanti, credo che siano ancora un po’ “acerbe” e tra le pecche, direi che hanno un pessimo livello di debugging.

Concludendo: JSP promosse, purchè usate con tutti i criteri. Consentono di essere molto produttivi, possono essere facilmente precompilate in Servlets e, entro certi limiti, possono essere riutilizzate.

Leggi anche l’articolo originale.

Condividi e seguici su:
error20
error: