Why resist change to Java?

Con le versioni 5 e 6, Java ha introdotto diverse modifiche al linguaggio.
Oltre ai già noti (e a volte criticati) generics, boxing/outboxing, annotations, enums, static imports ora si parla di closures. In alcuni casi si tratta di zucchero sintattico o poco più, in altri casi di importanti modifiche al linguaggio, nel costante sforzo di rendere Java sempre competitivo nei confronti degli altri moderni linguaggi (C++, C#, Smalltalk, Ruby o Groovy…).

Ma ci sono anche delle “resistenze” ad accettare queste modifiche al linguaggio e spesso, come si osserva in questo post di TSS, sono proprio i “senior” a sembrare più restii ai cambiamenti. Forse per timore di perdere quel vantaggio che hanno acquisito con anni di esperienza, i senior sembrano in qualche modo spaventati dalle novità o semplificazioni recentemente introdotte nel linguaggio. Ma quel che spaventa di più forse è l’incompatibilità dei binari generati e così molti “preferiscono” ancora lo stile 1.4.

L’aspetto che mi sembra più interessante tuttavia è la possibilità di poter utilizzare altri linguaggi nella JVM come JRuby o Groovy ad esempio, il che rende meno “indispensabili” le continue estensioni del linguaggio Java vero e proprio. Non dimentichiamo infatti che Java è molto di più di un linguaggio: è una VM, un insieme di librerie ed API molto ricche, un mondo di framework open-source e molto altro…

Leggi anche l’articolo originale.

Condividi e seguici su:
20
error: