Posts | giugno 2008

14/06/08

CMS war… finding the right one

Il problema di trovare un buon cms open-source mi ha sempre affascinato. La gestione dei contenuti (e dei documenti) ad oggi è un problema tutt’altro che nuovo. In rete si trovano davvero centinaia, se non migliaia di alternative sviluppate sulla piattafoma LAMP, piuttosto che in Python, Java o .NET e c’è anche un sito che si è preso la briga di catalogarle e confrontarle (quasi) tutte. Ma in tutta questa varietà come si fa ad orientarsi? E perchè tante alternative? E come mai la scelta vincente è spesso il php, tantochè addirittura molti portali che trattano di Java si basano proprio su cms php?

Le alternative sono molteplici ma tra tutte sembrano proprio Mambo, Joomla e Drupal a suscitare il maggiore interesse nella comunity. Perchè sono in effetti davvero facili da usare, user-friendly e potenti al tempo stesso. Richiedono una semplice installazione, c’è una ricchissima dotazione di plugin e il costo di hosting e gestione in molti casi è davvero ridicolo.

Più complesse le soluzioni Java (Alfresco, Magnolia per citarne alcune) che richiedono risorse e tempi di startup più consistenti. Inoltre questi cms sono più orientati alla gestione documentale piuttosto che alla gestione/publicazione dei contenuti sul web. Anche Plone (basato su Python/Zope) richiede competenze maggiori ed è giustificato generalmente in contesti Enterprise.

Alcune alternative che ho trovato interessanti perchè ben si avvicinano ai cms php ma offrono alcune caratteristiche enterprise proprie di Java (supporto multi-db, clustering, versioning, chiara separazione e riuso dei contenuti rispetto alla presentation logic, livelli di autorizzazione sul singolo componente, esportazione dei contenuti in formato xml…) sono dotCMS e OpenCms. Tra l’altro dotCMS è costruito su LifeRay probabilmente il più promettente e potente portlet container sviluppato in Java, che come Riot offre una sorta di framework (c’è da stupirsi?) per lo sviluppo di portali Java. Molti interessanti, se non altro perchè utilizzano al loro interno il meglio della tecnologia Java attualmente disponibile 🙂