Posts | JSF

27/04/07

Are JSPs dead?

L’ennesima critica a JSP: sono da considerasi ufficialmente morte? Personalmente non credo che la loro scomparsa sarà poi così imminente. JSP fa parte delle specifiche JavaEE di Sun e ormai sono utilizzate praticamente in ogni contesto Java Web. E’ vero, consentono molta libertà in chi sviluppa (difatti sono nate come “antagoniste” di ASP!) e in pratica sono quanto di più “sbagliato” si possa utilizzare in un paradigma ad oggetti, ma per fortuna… esistono i framework!

Solito discorso: Struts in primis ha ricollocato le JSP quasi esclusivamente nello strato V del paradigma MVC (mentre il ruolo di controller è lasciato alle Servlet o meglio a Servlet specializzate dette Actions). Poi ci sono le taglib, gli include e JSTL… con questi strumenti JSP diventa utilizzabile e, addirittura, come qualcuno osserva, riusabile (anche se lo strato V è chiaramente il meno riusabile fra tutti). Il problema se mai è quello di non farne un uso improprio.

Poi è chiaro che le alternative esistono: Velocity, Freemarker, XML/XSLT, JSF (con Facelets) per citarne alcune. La mia personale esperienza con JSF non è stata delle più entusiasmanti, credo che siano ancora un po’ “acerbe” e tra le pecche, direi che hanno un pessimo livello di debugging.

Concludendo: JSP promosse, purchè usate con tutti i criteri. Consentono di essere molto produttivi, possono essere facilmente precompilate in Servlets e, entro certi limiti, possono essere riutilizzate.

Leggi anche l’articolo originale.

Condividi e seguici su:
20
16/03/07

Revision of history and J2EE

Ancora una volta si parla di J2EE vs Spring, ovvero di “heavyweight” vs “lightweight”, ovvero di Sun vs mondo open in senso più stretto. Secondo l’opinione ormai diffusa, viene associato un concetto di pesantezza allo standard J2EE (o JavaEE che dir si voglia).

Ma occorre fare un po’ di chiarezza. Stiamo parlando di due tecnologie (J2EE e Spring) quindi un punto è certamente vero: prima di tutto è una questione di scelta. Non esiste tecnologia vincente in assenza di un buon software architect e la scelta di quale tecnologia adottare dipende anche (e soprattutto) dal team di sviluppatori di cui si dispone.

Tutte le tecnologie richiedono una “learning curve” iniziale, ovvero un certo costo per l’apprendimento. Disponendo di programmatori Junior ad esempio l’approccio di Spring, POJO-oriented, è in qualche modo più immediato. Ma ciò non toglie che Spring sia comunque molto ricco e che occorre molto tempo per “dominare” tutte le tecnologie e i concetti in esso contenuti. Per contro J2EE costringe lo sviluppatore a conoscere abbastanza bene i dettagli del container (ad esempio il ciclo di vita degli EJB) e per tanto richiede sviluppatori più esperti.

In ogni caso non bisogna dimenticare che J2EE non è solo EJB ma anche altre importanti API come JTA, JMS and JMX. D’altra parte Spring sposa ovviamente le tecnologie open, come Hibernate, JDO per la persistenza o Burlan e Hessian per le comunicazioni remote.

Ma dato che lo sviluppo di un’applicazione web “vera” può richiedere ad esempio l’utilizzo di Struts/Spring/Hibernate o JSF/Spring/Hibernate o Struts/EJB perchè non unire il meglio delle varie tecnologie? Spring + JMS, JMX and JTA?
Insomma, meglio collaborare che farsi la guerra 🙂

Leggi anche l’articolo originale.

Condividi e seguici su:
20
24/11/06

Struts is the new COBOL?

Nonostante l’età e il giudizio abbastanza diffuso che non sia più all’altezza delle moderne applicazioni web, Struts continua ad essere il framework MVC più utilizzato.

Intanto cresce l’utilizzo di JSF promosso da Sun, benchè anche questo abbia i propri detrattori, cresce l’utilizzo di Spring MVC (che sembra molto buono) e continuano ad essere utilizzati gli altri framework più o meno consolidati (Tapestry, Webwork) mentre emergono i framework rich client (Wicket, Echo2, Webstart) o, dando uno sguardo ad altri linguaggi,  RoR (Ruby on Rails) di cui molto si parla.

Ma Struts rimane, e sarà difficile scalzarlo. Proprio come il COBOL 🙂

Leggi anche l’articolo originale.

Condividi e seguici su:
20
error: