Posts | Wicket

07/02/08

Introducing Apache Wicket

Una lunga discussione sull’ennessimo web framework, Apache Wicket che viene qui paragonato al “fratello” Apache Tapestry, con divagazioni su JSF, GWT e sull’onnipresente Struts ovviamente. Tra i suoi punti di forza e innovazioni rispetto agli altri web framework vi sono:

  • Un eccellente supporto built-in ad AJAX;
  • La capacità di modificare la struttura delle pagine programmaticamente;
  • Perfetta separazione tra codice e templates (i templates non possono contenere codice);
  • Un approccio object-oriented
  • Facile apprendimento (per developers Java-oriented)

Naturalmente ci sono pro e contro, come in ogni cosa. Ma la principale ragione dell’esistenza di Wicket è che non esistono altri web framework programmabili in puro codice Java (quasi tutti seguono piuttosto il classico modello dichiarativo, con file di configurazione XML ad esempio). Naturalmente poi è anche questione di gusti, ma gli impatti più evidenti si hanno nell’ottimizzazione e nella versatilità del codice. In ogni caso anche Wicket, come pure Tapestry, Freemarker, JSF (con Facelets) e gli altri framework component-oriented rappresenta una valida alternativa ai precedenti framework Model 2 tipo Struts, tanto per citarne uno famoso 🙂

Leggi anche gli articoli originali: 1, 2 e 3

Condividi e seguici su:
error20
24/11/06

Struts is the new COBOL?

Nonostante l’età e il giudizio abbastanza diffuso che non sia più all’altezza delle moderne applicazioni web, Struts continua ad essere il framework MVC più utilizzato.

Intanto cresce l’utilizzo di JSF promosso da Sun, benchè anche questo abbia i propri detrattori, cresce l’utilizzo di Spring MVC (che sembra molto buono) e continuano ad essere utilizzati gli altri framework più o meno consolidati (Tapestry, Webwork) mentre emergono i framework rich client (Wicket, Echo2, Webstart) o, dando uno sguardo ad altri linguaggi,  RoR (Ruby on Rails) di cui molto si parla.

Ma Struts rimane, e sarà difficile scalzarlo. Proprio come il COBOL 🙂

Leggi anche l’articolo originale.

Condividi e seguici su:
error20
error: