Blog | All

18/10/13

Prima posizione su Google: non è sempre una priorità!

podio

Il mito della prima posizione su Google… parzialmente sfatato! Non sempre infatti la prima posizione su Google rappresenta un reale vantaggio rispetto ad una qualsiasi altra (rispettabilissima) posizione in prima pagina.
Di certo è importante, più che ottimizzare ossessivamente, non perdere mai di vista l’obiettivo primario dell’ottimizzazione stessa, ovvero ottenere risultati compatibili con le proprie campagne di web marketing.
In una parola: incrementare la propria capacità di vendita e aumentare la diffusione del brand.

In quest’ottica un indicatore più rilevante è il CTR (Click-Through Rate), che esprime la percentuale di click rispetto al numero di visualizzazioni di un insieme di pagine per un certo risultato, ed è considerato ottimale se si aggira almeno attorno al 3-4%. Ad esempio è quasi perfettamente inutile avere un CTR del 100% per una sola parola (ad esempio il nome del brand) e un CTR prossimo a zero per le altre parole ricercate.
Ciò posizionerebbe sì in prima pagina e darebbe buona visibilità per quella query di ricerca, ma renderebbe praticamente “sconosciuto” il sito rispetto a tutte le altre possibili query di ricerca. Risultato certamente non desiderabile.

L’obiettivo è quindi di migliorare il ranking rispetto a quante più possibili query di ricerca, analizzando sempre i risultati nel complesso e non concentrandosi soltanto su certi termini di ricerca.

Leggi anche l’articolo originale.

11/07/13

Aggiornamenti algoritmici di Google, la mappa completa

Dagli autori di Web in Fermento pubblico un ottimo schema per ricordare, uno dopo l’altro, gli aggiornamenti algoritmici di Google fino al 2012. Il documento è davvero interessante e completo, buona consultazione!
Google-algoritmi-infografica-ITA

10/07/13

Google+ per il web marketing e la SEO

Google+ ha fatto registrare di recente il sorpasso di Twitter nella corsa al social network più utilizzato piazzandosi al secondo posto dietro Facebook. Google è già detentore del migliore motore di ricerca, della mail più utilizzata del pianeta e di YouTube, pertanto il social network è stato un passaggio obbligato e dal successo assicurato.

Quello che distingue Google+ da Facebook e Twitter è l’ormai certa influenza nei risultati (SERP) delle ricerche organiche attraverso la somma di una serie di fattori che indicano la popolarità e il livello di engagement di un autore sul web, alcuni di questi sono:

  1. Livello di engagement sul profilo Google+
  2. Numero di +1 e condivisioni per ogni post/articolo pubblicato dall’autore
  3. Numero di cerchie Google+ in cui l’autore è inserito
  4. Frequenza di pubblicazione presso i Blog
  5. Authority dei siti presso i quali l’autore scrive
  6. Numero di commenti per post

L’intenzione di Google sembrerebbe tutta incentrata nel togliere peso ai siti per darlo agli autori, che ne decreteranno il successo essendo essi stessi portatori e garanti di qualità e sicuro engagement…

Leggi anche l’articolo originale.

28/06/13

Nuove regole SEO per il 2013

seo-man-typingIn seguito al continuo aggiornamento degli algoritmi di ranking da parte di Google (l’ultimo è stato ‘Penguin‘) basati sull’osservazione delle abitudini e comportamenti degli utenti, anche le regole di SEO sono in continuo cambiamento.
Pertanto, se ci si basa soltanto sul ranking delle proprie keyword si rischia addirittura di essere penalizzati!
Alcune regole, aggiornate al 2013:

  • Concentrati sul numero di keyword, non sul ranking delle stesse: i motori di ricerca sono diventati più intelligenti e specifici; oltre il 70% delle ricerche contiene tre o più termini di ricerca ed oltre il 20% delle query di ricerca sono totalmente nuove, ovvero rappresentano ricerche mai effettuate prima. Quindi la strategia vincente è quella di incrementare il numero di keyword, piuttosto che migliorare il posizionamento di quelle esistenti: l’insieme delle stesse è detto keyword portfolio.
  • Pubblica contenuti orientati al problem-solving: è utile pubblicare contenuti presi dalla propria proprietà intellettuale: how-to, white paper o studi di ricerca. Questo è ciò che gli utenti cercano e può essere indicativo della vostra professionalità.
  • Pubblica contenuti basati su fonti di qualità: l’aggiornamento ‘Penguin’ penalizza i contenuti di bassa qualità e i siti considerati non attendibili. Pertanto bisogna concentrarsi sull’ottenimento di riferimenti di alta qualità da parte di siti web attendibili del settore, evitanto i siti “free” e le content farm.
  • Distribusci e promuovi il contenuto attraverso i social media: i social media sono un canale molto efficiente per distribuire e promuovere i propri contenuti e consentono di raggiungere milioni di utenti istantaneamente. Google e Bing hanno ammesso di utilizzare i segnali provenienti dai social media nei loro algoritmi di ranking.

Leggi anche l’articolo originale.

23/05/13

Migliorare le performance di Drupal

Per continuare la carrellata sui CMS, di seguito alcuni accorgimenti che possono aiutare a migliorare le performance di un sito realizzato con Drupal. Benchè Drupal sia un ottimo sistema, non è conosciuto per essere particolarmente performante. Fortunatamente, con un po’ di attenzione, si possono ottenere dei buoni risultati.

  • Pianificazione: occorre scegliere accuratamente quali moduli installare o disinstallare, la scelta di installarli “tutti” non è mai quella migliore
  • Aggiornamenti: in genere mantenere aggiornato il sistema (core e moduli) può aiutare
  • Pressflow: è una particolare versione di Drupal, patchata per l’utilizzo di componenti terze-parti. Versione consigliata a chi utilizza Drupal6, diverse modifiche della quale sono state inserite in Drupal7
  • APC (Alternative PHP Cache): una cache php che può offrire ottime prestazioni se usata con Drupal
  • Memcache: un ottimo modulo per Drupal6 e Drupal7
  • Varnish: può essere installato sul web server (Apache, nginx or lighttpd) e aumentare le performanche di Drupal per quanto riguarda soprattutto gli accessi degli utenti anonimi
  • Boost: un’ottima alternativa a Varnish, quanto quest’ultimo non è installabile (hosting condiviso ad esempio)
  • CDN: può aiutare nel caso di risorse statiche come immagini, documenti, css e javascript
  • Views: è uno dei moduli più potenti e versatili di Drupal, ma occore saper utilizzare bene le varie opzioni per non rischiare di ottenere query molto lente. Alcuni moduli aggiuntivi possono aiutare (Views lite pager, Views cache)
  • Block cache: un altro modulo di Drupal che può migliorare di molto le performance, specialmente se utilizzato con Memcache
  • Ottimizzazioni del filesystem: quando le risorse statiche sono molte può essere utile organizzare il file system in path organizzati per data. A tale scopo può essere utile il modulo File(field) Paths
  • Fast 404: un altro modulo molto utile nel caso di “pagine non trovate”: soprattutto quando si ha un nuovo sito in fase di sviluppo
  • Moduli scadenti: benchè in genere molto rari, nel core di Drupal ci sono 3 moduli con performanche piuttosto scarse. In genere è bene disattivarli (Database logging, Statistics, PHP Filter)
  • Monitoraggio delle performance: utile soprattutto in fase di sviluppo. Devel è sicuramente un modulo utile, New Relic un servizio terze-parti che funziona bene con Drupal
  • Frontend: è certamente utile abilitare l’opzione di aggregazione delle risorse css e javascript offerte dai vari moduli e ridurre le dimensioni delle immagini caricate (Image cache, Image profiles)

Leggi anche l’articolo originale.

24/04/13

Drupal o WordPress: cosa è meglio?

Drupal o WordPress? Cosa è meglio? Come sempre dipende da quali sono i nostri obiettivi.

Vuoi creare un blog?
Non credo ci siano dubbi: la scelta di elezione è senza dubbio WordPress, in fondo è nato proprio per questo! In più è facile da installare, da configurare e utilizzare anche da parte del neofita. Il problema sorge semmai quando il sito cresce e si vogliono aggiungere altre feature di tipo diverso. In questo caso WordPress potrebbe non rivelarsi più all’altezza.

Semplicità vs complessità
E’ opinione comune che WordPress sia semplice in tutti i suoi aspetti, mentre Drupal sia decisamente più complesso e, anche se ciò è vero, è chiaro che le due piattaforme non sono paragonabili. Drupal è anche molto più potente, ha pagine di amministrazione più curate, un’interfaccia più pulita, è più sicuro, ha un sistema di permessi decisamente flessibile e risulta adatto anche all’uso in contesti entreprise.

Moduli vs plugin
Un plugin è un pezzo di codice già pronto, destinato ad uno scopo ben preciso. Si può espandere WordPress in molti modi utilizzando gli appositi plugin, ma difficilmente si potrà fare qualcosa di più di ciò che i plugin consentono di fare. I moduli di Drupal invece superano questi limiti e per la loro struttura possono essere combinati tra loro in vari modi (o modificati) in modo da poter espandere il sistema praticamente all’infinito.

Temi
WordPress fornisce molti temi di ottima qualità completamente free e immediati da utilizzare, ma tutto sommato abbastanza statici, ovvero composti di regioni fissi nelle quali piazzare widget a piacimento. All’occorrenza può risultare abbastanza difficile uscire da questi schemi. I temi di Drupal invece sono organizzati in regioni piuttosto flessibili nelle quali si possono piazzare a piacimento i vari moduli. Inoltre esistono diversi temi di base che possono essere espansi o configurati a piacimento (Bootstrap, Omega, Zen).

Conclusioni
In conclusione, ancora una volta, se le intenzioni sono quelle di andare oltre al semplice blog o poco più (per il quale WordPress è la scelta perfetta) è bene pensare fin da subito a Drupal, che rappresenta una scelta migliore e più duratura nel tempo.

Leggi anche l’articolo originale.

error: